Copyright © 2020 P.IVA 06746930152
  • Inglese
  • Italiano

Il nuovo ruolo della casa

1 Settembre 2020

imm cologne: la piattaforma che collega persone, idee e percorsi di successo

Tutto appare diverso quest’anno. Per far fronte alla pandemia globale gli stili di vita si sono dovuti modificare, mettere in discussione, adattare. Il settore dell’arredamento è da sempre attento ai cambiamenti nelle abitudini del consumatore. “È importante che la capacità di adattamento sia supportata da un layout fieristico versatile. Le Fiere svolgono un ruolo vitale, nella loro funzione di catalizzatore, ed in particolar modo nella situazione attuale“, afferma Matthias Pollmann, Vice President Trade Fair Management presso Koelnmesse, responsabile, tra le altre, delle aree tematiche dell’arredamento, della decorazione d’interni e del design. “Una Fiera come l’Interior Business Event, imm cologne, è in continua evoluzione. Negli ultimi anni è stata puntualmente configurata secondo le esigenze del mercato, nel suo continuo mutare. La nostra pianificazione strategica aveva già previsto gran parte di ciò che sarà l’attuale richiesta. E questo ripagherà i nostri sforzi.” Conscio del fatto che nessuno avrebbe potuto immaginare una tale evoluzione degli eventi, Pollmann ritiene comunque che la Fiera sia in una posizione di forza: “Abbiamo una nuova visione per imm cologne, quale fonte di ispirazione e piattaforma per l’innovazione. Continuiamo a lavorare con molta attenzione per vederla realizzata nel 2021.” conclude Pollmann, pensando alle nuove sfide che il settore deve affrontare.

Nuove prospettive sul futuro dell’abitare

Qual è l’impatto sul nostro modo di abitare, quando l’uso intensivo dei media, la sovrapposizione della vita professionale e privata, l’esigenza di un rifugio sicuro e di un luogo all’aperto si sovrappongono all’interno delle nostre zone di comfort? In futuro la qualità dei nostri spazi abitativi sarà definita non solo dalla disposizione degli ambienti e dell’arredamento, ma anche e soprattutto dalla “transizione” tra interno ed esterno. Architetti e Interior Designer sperimentano facciate aperte, progetti stile loft, dove i complementi d’arredo vengono utilizzati per la configurazione degli spazi. Wi-Fi e connettività sono parte integrante della vita di tutti i giorni, così come balconi o giardini arredati in modo confortevole, o come gli uffici in ambito abitativo, oppure gli spazi appositamente progettati per la socializzazione. Tendenze che stanno influenzando anche l’intero panorama fieristico. Ad esempio, all’Interior Business Event di Colonia, una Hall sarà interamente dedicata alla crescente richiesta di connettività. “In quanto Fiera che abbraccia tutti gli aspetti dell’Interior Design, stiamo osservando un crescente interesse verso la casa come interfaccia comune“, afferma Matthias Pollmann, per poi soffermarsi sulle sfide economiche a seguito della crisi da Covid-19: “Dovendo rappresentare l’intero mondo del settore arredamento, vogliamo adottare un approccio proattivo per affrontare la situazione attuale, supportando i nostri espositori in una situazione storica unica e complessa.”

Le tre tendenze che avranno un ruolo determinante in questo periodo di cambiamenti

  1. La casa come hub

L’infrastruttura interna ed esterna delle nostre case riveste un ruolo sempre più importante (si pensi alla connettività). Le forniture di energia gestite in digitale sono integrate da unità autonome, quali il riscaldamento a pellet e l’energia solare, argomenti fondamentali per le abitazioni smart. Il ruolo della logistica negli equilibri domestici richiederà una certa compatibilità tra i locali e le postazioni di lavoro all’interno delle abitazioni. L’home office sarà una caratteristica da considerare nello studio delle planimetrie. Videochiamate e videoconferenze trasformano le esigenze dell’ambiente domestico anche in termini di design. Si pensi ad esempio alla necessità di non avere la propria camera da letto come sfondo di una videoconferenza, o magari ai bambini che giocano in sottofondo durante una telefonata di lavoro. Gli uffici in ambito domestico dovranno non solo soddisfare requisiti ergonomici, ma anche rispecchiare gli standard di assetto professionale e di comunicazione. I produttori di vernici, ad esempio, stanno già promuovendo speciali combinazioni di colore proprio a tale scopo. Sfondi come rivestimenti murali, divisori, scrivanie di design o particolari, schermi e pannelli acustici per separare gli spazi di lavoro dalle aree private della casa susciteranno molto interesse tra i privati, generando così un forte incremento nella richiesta di queste tipologie di prodotto.

  1. Hospitality come seconda casa

Normalmente, le tendenze che riguardano gli ambienti lavorativi vengono riviste per la progettazione di spazi ad uso residenziale. Le accoglienti atmosfere che si trovano negli hotel, nei ristoranti e durante gli eventi, sono ora destinate a intensificarsi. Il design dell’Hospitality sarà incentrato sull’intimità e utilizzerà concetti originali e “autentici” per attrarre i clienti. I luoghi accoglienti diventeranno importanti quanto il buon cibo, o la musica e il motto “be our guest” sarà rigorosamente applicato. L’Interior Design professionale riflette la tendenza che da oggi si applicherà anche nella progettazione di abitazioni private. Le Aziende del settore ufficio offrono ora anche linee per i privati, meno spartani, dunque più accoglienti, dei tipici arredi ad uso lavorativo, considerando le caratteristiche della vita in ufficio, o in hotel, per l’attuazione di orari di lavoro flessibile, formazione e lavoro 3.0.

Il mercato dell’Hospitality sta cambiando. Emergendo nuovi modelli per le professioni flessibili in termini di tempo e di luogo, aperte a concetti abitativi quali appartamenti, o in co-living. È importante creare una nuova offerta per queste innovative soluzioni lavorative.“, afferma Dick Spierenburg, Creative Director di imm cologne, che vede nuove prospettive in questo settore. “A imm cologne 2021 l’edizione speciale del nostro evento di design “Das Haus” offrirà anche una piattaforma sperimentale per concetti innovativi, così che nuove interessanti idee possano continuare ad alimentare la creatività dell’intero settore.”

  1. La vita outdoor, esigenza fondamentale per vivere all’aperto anche in città

La tendenza verso una vita all’aperto ha imposto ulteriori trasformazioni nel settore arredamento. Negli ultimi mesi il concetto di “second living-room” ha assunto un ruolo sempre più importante. Non importa se si dispone di un grande giardino o di un piccolo appartamento: balconi, terrazze e giardini vengono rivitalizzati e arricchiti per diventare zone giorno a tutti gli effetti, con arredi per esterni di qualità, con l’utilizzo di mobili smart, tessuti idrorepellenti e soluzioni per l’illuminazione. “È pensato per essere utilizzato all’interno o all’esterno?” Questa è la domanda che ci si pone di fronte ai nuovi mobili da giardino e patio. Legno, metallo, vimini, cotone, PVC, pietra, cemento o materiali compositi: a prima vista è difficile distinguerli, grazie alla struttura della loro superficie e all’attenzione estetica nella lavorazione. Il design di questi articoli non è più limitato ai classici mobili da giardino, ma riprende i canoni estetici di ciò che abbiamo nei nostri salotti. I due modelli di spazio abitativo si influenzano a vicenda e talvolta utilizzano persino gli stessi arredi. Il futuro della vita domestica sarà caratterizzato da spazi aperti, trasparenze tra esterni ed interni e consapevolezza dell’importanza sociale che l’aspetto degli ambienti in cui si vive ricopre. Si tengono d’occhio le tendenze, si cerca uno stile del tutto personale e si scambiano idee attraverso i Social. La casa è sinonimo di vita e dello stare insieme e diventa un’espressione armoniosa di individualità e interazione sociale.

 

www.global-competence.net/interiors/

Ulteriori informazioni su ambista: www.ambista.com/

(Visited 37 times, 1 visits today)

Articoli correlati: