Copyright © 2020-2022 P.IVA 06746930152

Smart Home, impianti connessi e cognitive building

29 Giugno 2022

BTicino diventa partner del VELUXlab, laboratorio di ricerca del Politecnico di Milano

 

BTicino, brand di riferimento nella Smart Home e nelle infrastrutture elettriche, diventa partner del VELUXlab, modulo sperimentale promosso dal Politecnico di Milano. Ubicato nel Campus Universitario Bovisa, punto di riferimento accademico, è da più di dieci anni luogo in cui studenti e ricercatori sperimentano e testano nuove tecnologie e materiali per l’efficienza energetica in edilizia.

VELUXlab, primo edificio Nearly Zero Energy in Italia all’interno di un campus universitario (Classe A+ del protocollo energetico CENED) è stata la prima Active House certificata con label as-built in Italia. Vero e proprio active lab, oggetto di continue sperimentazioni, è costantemente monitorato grazie a un sistema di sensori di temperatura superficiale e di intercapedine, insieme a ulteriori contatori, che forniscono in tempo reale il consumo energetico finale e può, di fatto, essere considerato un Cognitive Building.

Nell’edificio di Via LaMasa, BTicino ha installato un impianto connesso di ultima generazione, in grado di essere gestito in modo tradizionale, tramite App e grazie a comandi vocali (all’interno del VELUXlab sono infatti presenti i comandi digitali con assistente vocale Amazon Alexa integrato). Come estetica è stata scelta la linea Living Now, la serie civile, interamente prodotta in Italia, che unisce il meglio della tecnologia e del design.

Il laboratorio è guidato dal Professore Marco Imperadori, docente di Progettazione e Innovazione Tecnologica del Politecnico di Milano, che ha dichiarato: “VELUXlab è oggi un edificio user friendly, intelligente, sostenibile e in grado di adattarsi attivamente alle sollecitazioni esterne ed interne. Interagisce direttamente con chi vive l’edificio attraverso piattaforme di comunicazione con realtà aumentata e data-visualisation, ma anche con semplici app. Siamo già al lavoro per verificare l’integrazione delle soluzioni connesse di Bticino con i serramenti VELUX presenti: infatti uno degli obiettivi che ci siamo prefissati è anche quello di divenire una piattaforma per aziende virtuose.”

All’interno della partership si inserisce un lavoro di ricerca che alcuni dottorandi del Politecnico di Milano stanno conducendo nelle ultime settimane e che si concretizzerà attraverso sperimentazioni in ambito smart home e con lo sviluppo di alcune tesi di laurea.

VELUXlab, interamente finanziato dal Gruppo VELUX, vede come partner, oltre BTicino: Actis, Beghelli, Brianza Plastica, Celenit, D3Wood, Daku, Galloppini Legnami, Graniti Pedretti, Knauf, Komatsu Matere, Leapcraft, Lym, Manni Group/Isopan, Nordzinc, Officine Tamborrino, Scaffsystem, Vanoncini. Ha visto negli anni l’attivazione di rapporti con: Aalborg Universitet, Sekisui House Kengo Kuma Lab – University of Tokyo, Shenzhen University, Sydney University, Supsi Lugano, TU Graz, Université Grenoble Alpes, Université Libre de Bruxelles – La Cambre Horta, University of Saint Joseph Macao.

(Visited 21 times, 21 visits today)

Articoli correlati: