Copyright © 2020-2022 P.IVA 06746930152

I problemi legati alla corrente di spunto e come risolverli

5 Settembre 2022

Anche se le correnti di spunto possono durare solo pochi microsecondi, potrebbero essere necessari alcuni secondi prima che la corrente si stabilizzi al valore operativo medio. L’alto livello dei flussi di corrente può produrre cali di tensione, come conseguenza della corrente e dell’impedenza di installazione.

La corrente di spunto genera un flusso di ingresso, istantaneo generalmente assorbito da un alimentatore o da un’apparecchiatura elettrica al momento dell’accensione. All’accensione, i condensatori consentono lo scarico del flusso di corrente negli alimentatori grazie ad una bassa impedenza facendola fluire nel circuito, da zero ai valori operativi. Queste correnti possono essere molte volte superiori alle correnti di stato stazionario. Se i dispositivi risultano essere conformi agli standard UE e l’installazione è correttamente dimensionata, questi cali di tensione sono innocui. Secondo gli standard (IEC 61547) i dispositivi devono resistere a una certa quantità di cali di tensione senza malfunzionamenti.

 

Allora, perché la corrente di spunto può costituire un problema?

Se si verificano malfunzionamenti, questo potrebbe essere un segno che i dispositivi utilizzati non sono conformi alle norme o il dimensionamento dell’installazione non è corretto. L’afflusso può essere un problema durante il dimensionamento dell’installazione. L’obiettivo è quello di ottenere una combinazione tecnicamente ammissibile insieme a un sistema complessivo economicamente efficiente. Quando si aggiorna un’installazione esistente, sia il numero di dispositivi che il singolo circuito potrebbe essere limitato e potrebbe quindi essere necessario aumentare il numero di circuiti. Ciò comporta più ore di lavoro e materiali con una ricaduta significativa sul budget di spesa.

Se, ad esempio, si dispone di un’installazione con lampade da 27 W con un driver tradizionale con un limite di es. 23 lampade, un fusibile da 10 A con caratteristica C, il fusibile verrà caricato solo con il 27% della corrente nominale del fusibile”, afferma Henrik Rohde Nielsen del Light Bureau Danimarca “Se si desidera limitare il carico del fusibile all’80%, c’è quindi il 53% di capacità libera nel fusibile, che può essere utilizzata se si sceglie un driver senza corrente di avviamento“.

Un esempio dei potenziali risparmi di installazione può essere visto nella tabella.

Secondo Thomas Andersen, Lead R&D Engineer e co-fondatore di Nordic Power Converters, la scelta di un driver LED con una bassa corrente di spunto può aiutare a risparmiare tempo, denaro e materiali: “Secondo me ci sono due semplici motivi. Per le nuove installazioni, si tratta di risparmio. Meno corrente di spunto richiede meno interruttori principali, meno cavi e quindi meno ore di elettricista, basta fare i conti. Per le installazioni già esistenti si possono semplicemente collegare più driver LED, il che dà più libertà all’architetto o al progettista”.

 

Mancanza di spazio per gli impianti elettrici

“Quando si costruiscono nuovi immobili di tipo commerciale, non è necessario tener conto dei dispositivi elettrici precedentemente installati. Ma la mancanza di spazio per installazioni elettriche e quadri elettrici è un problema ricorrente, afferma Henrik Rohde Nielsen del Light Bureau Danimarca. Light Bureau è uno studio di progettazione illuminotecnica internazionale con un portafoglio completo di progetti nei luoghi di lavoro, residenziali, alberghieri e altro ancora.

Il problema in molti nuovi progetti è la mancanza di spazio”, ricorda Henrik. “Tutto deve essere minimalista e invisibile. Quindi siamo costantemente sfidati a non avere abbastanza cavi per la ventilazione, l’illuminazione, ecc.”.

E la cattiva notizia è che più interruttori avremo bisogno, più sarà necessario ricavare spazio per cavi e quadri elettrici. Non c’è da stupirsi che Henrik abbia un forte desiderio di apparecchi di illuminazione con il minimo spunto possibile. Gli apparecchi di illuminazione con spunto basso sono qualcosa a cui Erik Padkjær tiene particolarmente. Erik è un designer che progetta e sviluppa soluzioni di illuminazione personalizzate ed è un forte sostenitore di un design pratico e ben progettato capace di rendere al meglio con il minimo sforzo.

Le sfide con l’afflusso sono molte”, afferma Erik. “Supponiamo che si abbia un’installazione con 100 apparecchi di illuminazione a LED, probabilmente avremmo bisogno di tre circuiti se hanno un alto livello di spunto, come spesso accade se il driver LED viene selezionato senza concentrarsi sullo spunto. Scegliendo apparecchi con spunto basso, si potrà inserirli tutti sullo stesso circuito. Quindi tre volte meno cablaggio e tre volte meno ore di lavoro dedicate all’installazione. Questa è un’importante riduzione di tempo e denaro per l’installatore. Il cliente sperimenterà i vantaggi sia a breve che a lungo termine poiché l’installazione avrà una maggiore affidabilità e la manutenzione sarà alla fine più conveniente”.

 

Soluzioni sostenibili

Il tempo e il denaro sono variabili decisamente critiche, ma l’ambiente è ugualmente importante per Henrik ed Erik. “L’utilizzo di un minor numero di componenti riduce ovviamente i costi di installazione e la manutenzione”, afferma Henrik. “Ma è altrettanto importante ricordare che la riduzione della quantità di materiale è un enorme vantaggio per l’ambiente. In Light Bureau, ci impegniamo ad accelerare la transizione verso una società più sostenibile. All’inizio di ogni nuovo progetto, siamo impegnati in una conversazione con il promotore immobiliare sulla sostenibilità e le sue ambizioni verso la sostenibilità. E cerchiamo sempre di spingere per soluzioni più sostenibili”.

 

Quindi, quali soluzioni sono disponibili oggi sul mercato?

L’uso di limitatori di corrente di spunto è un’opzione”, afferma Henrik. “Abbiamo utilizzato limitatori di corrente di spunto come parte di alcune installazioni di illuminazione, inclusa quella sull’illuminazione del pilone del ponte Øresund. Ovviamente il dispositivo rappresenta un costo aggiuntivo, ma il risparmio di cavi e ore di lavoro compensa facilmente quel costo”. Il sistema di illuminazione sul ponte Øresund è stato realizzato con 192 apparecchi LED RGBW e per ogni quattro apparecchi è presente un limitatore di corrente di spunto. Questo sistema ottimizzato ridurrà i consumi e creerà un notevole risparmio energetico fino all’80% rispetto al vecchio sistema di illuminazione.

Lo studio here&after riconosce il valore del design, la qualità e la sua efficienza. Afferma Erik. “Vogliamo renderlo facile per l’utente finale e l’installatore. L’utente desidera un design accattivante, un’ottima qualità della luce e un sistema di illuminazione affidabile ed efficiente dal punto di vista energetico. L’installatore desidera soluzioni plug-and-play facili da implementare. Questo è uno dei motivi per cui utilizziamo i driver LED InviTrack nei nostri apparecchi di illuminazione. Il driver è miniaturizzato e completamente invisibile. È leggermente più costoso di altri driver sul mercato, ma i vantaggi e il tempo risparmiato sull’installazione compensano facilmente quel costo aggiuntivo”.

I driver InviTrack hanno uno spunto trascurabile. Ciò significa che è possibile ridurre notevolmente il numero di interruttori automatici e il cablaggio. Con un minor numero di componenti in un sistema, non solo si ridurranno la quantità di tempo dedicata all’installazione, ma anche il tempo dedicato alla manutenzione futura. Secondo Thomas, c’è un semplice motivo per selezionare un driver LED da NPC: “Se si vuole abbattere il costo totale del sistema, dobbiamo considerare la somma delle spese; MCB, cavi, installazione, driver e manutenzioni future. Il driver LED scelto ha un impatto significativo sul costo di tutti gli altri aspetti del costo del sistema. I driver di NPC, ad esempio, hanno una corrente di spunto molto bassa e all’improvviso si risparmia sulla quantità di MCB, cablaggio e costi per il team di elettricisti. Qualità e durata sono altre caratteristiche dei driver LED NPC che ridurranno la bolletta nella manutenzione futura, ma questa è un’altra storia “.

(Visited 29 times, 29 visits today)

Articoli correlati: