Copyright © 2020-2022 P.IVA 06746930152

Nema e Zhaga socket per illuminazione LED outdoor

21 Giugno 2023

Nell’ambito dell’illuminazione outdoor e, nello specifico, di quella stradale e urbana, i cosiddetti NEMA e Zhaga socket rappresentano un elemento imprescindibile per il controllo dell’illuminazione e per la comunicazione tra ambiente, driver e moduli LED. Entrambi i socket, sia nella versione NEMA che Zhaga, offrono l’opportunità di predisporre gli apparecchi esistenti alle tecnologie future. Questa operazione di standardizzazione consente di modificare l’unità di controllo in modo specifico, senza dover modificare l’intero apparecchio a LED.

 

I NEMA socket di Universal Science

I NEMA socket di Universal Science sono disponibili nella versione a sette pin e sono conformi allo standard ANSI C136.41, che fornisce connessioni elettromeccaniche affidabili. Il NEMA socket ha cavi preimpostati e può essere fissato con viti dopo che l’installatore ha scelto l’orientamento migliore. Collegare gli apparecchi LED ai circuiti esterni in questo modo, diventa semplice, comodo e veloce. Il NEMA socket è abbinato ad uno short cap, un tappo che funge da dispositivo di protezione dell’interfaccia NEMA ed è conforme agli standard UL773 e ANSIC136.41.

Dotato di connessione twist-lock, può essere ruotato e bloccato in modo da essere compatibile con apparecchi stradali, da grandi aree e con numerosi controller di illuminazione. Lo short cap (privo di sistema di controllo) è il più comune sul mercato e può vantare una predisposizione che mantiene costantemente acceso l’apparecchio LED e, all’occorrenza, può essere sostituita dai numerosi controller disponibili su questo standard. Il NEMA socket, infine, è caratterizzato da un’elevata capacità in corrente e un’ampia tensione di applicazione e viene molto utilizzato nelle reti elettriche standard di tutto il mondo.

 

Gli Zhaga socket di Universal Science

Gli ZHAGA socket di Universal Science soddisfano i requisiti dell’interfaccia standard Zhaga Book 18 (Z-LEX-R, Z-LEX-C) e hanno superato la relativa certificazione per lo sviluppo e l’installazione di illuminazione stradale, commerciale e residenziale. Di dimensioni compatte consente maggiore flessibilità nella progettazione degli apparecchi di illuminazione. Si tratta di una soluzione scalabile che consente l’utilizzo di fotocellule Ø40mm e LEX-M Ø80mm in un sistema centralizzato con la stessa interfaccia di connessione.

La presa Zhaga può inoltre garantire un montaggio flessibile, rivolto verso l’alto, verso il basso e lateralmente. Un vantaggio assai importante, infine, è rappresentato dalla singola guarnizione integrata che sigilla sia l’apparecchio che il modulo, riducendo al minimo i tempi di assemblaggio oltre che i costi. Per quanto riguarda gli Zhaga socket, il costo è inferiore perché hanno dimensioni ridotte con solo 4 connessioni e sono alimentati dall’uscita ausiliaria del driver a bordo dell’apparecchio LED. Inoltre, gli Zhaga socket permettono la gestione di segnali solo in bassa tensione e bassa potenza, tipicamente 24V 3W (con 10W di picco), adeguato all’uso di sensori a basso consumo.

(Visited 146 times, 112 visits today)

Articoli correlati: