Copyright © 2020-2022 P.IVA 06746930152

Illuminazione per smart working

1 Febbraio 2023

Con Egoluce è possibile mantenere in smart working lo stesso grado di produttività e comfort di un classico ufficio, grazie ad una corretta illuminazione della postazione di lavoro

 

Il tema dello smart working è ormai sempre più diffuso tra le aziende e nel mondo del lavoro in generale. Il numero di lavoratori che richiede la possibilità di svolgere le proprie mansioni attraverso lo smart working cresce infatti ogni anno e molte aziende stanno sviluppando nuovi modelli di lavoro ibrido che alternano a giorni in ufficio anche giorni di lavoro in remoto. I luoghi da cui lavorare in remoto sono potenzialmente infiniti dalla propria abitazione a uno spazio di coworking, per arrivare fino agli alberghi e alle strutture ricettive. L’ufficio del futuro è infatti uno spazio dinamico e mutevole che può trovare diverse collocazioni e non più un semplice spazio fisico predefinito.

In questi anni si sono sviluppate molte alternative al lavoro da casa considerato non sempre come migliore alternativa al classico ufficio, una delle soluzioni più interessanti è quella dello smart working in hotel. Le strutture ricettive hanno trasformato negli ultimi anni le camere e le aree comuni in ambienti completi di tutto ciò che occorre per lavorare al meglio, rete wi-fi ad alta velocità, prese multiple, la possibilità di stampare documenti e la disponibilità di cibo e bevande. Una volta ultimato il lavoro i clienti hanno inoltre a disposizione tutti i servizi dell’albergo, dalla piscina alla palestra, dalla spa al ristorante. Lo smart working in hotel è ormai diventato parte integrante dell’offerta di hospitality dedicata ai business travel.

Lavorare da remoto può sembrare apparentemente molto semplice, bastano una buona connessione a internet e un computer dove lavorare, ma in realtà lo smart working per essere efficiente deve essere organizzato con spazi e tecnologie adeguate. Un elemento principale in grado di migliorare l’efficacia dello smart working è sicuramente la postazione di lavoro, creare un ambiente di lavoro adeguato, comodo ed ergonomico è di massima importanza. La gestione dell’illuminazione per uno spazio dedicato allo smart working è un aspetto fondamentale, l’illuminazione determina infatti anche la nostra produttività e contribuisce a creare un ambiente piacevole e confortevole.

Per una corretta illuminazione degli ambienti dedicati allo smart working l’equilibrio tra luce artificiale e naturale è uno degli aspetti principali da tenere in considerazione, non sempre è possibile contare su un livello di illuminazione naturale sufficiente a garantire il comfort visivo per non affaticare gli occhi. In questi casi è necessario l’utilizzo di soluzioni di illuminazione artificiale che compensino la luminosità mancante bilanciando luce diretta e indiretta in modo da ottenere il comfort visivo ideale. Sono numerose le opzioni possibili da poter utilizzare per illuminare le postazioni, dalle applique alle lampade a sospensione, arrivando ai faretti a LED. L’illuminazione ideale per una zona di lavoro è infatti una combinazione tra illuminazione generale e d’accento. Per quella generale è raccomandata un’apertura del fascio luminoso oltre i 90°, mentre per quella d’accento, un’angolazione luminosa inferiore a 90°.

Una postazione di lavoro per smart working deve prevedere un tipo di luce uniforme con una temperatura di colore non inferiore ai 4000 Kelvin per favorire la concentrazione senza sforzare la vista. È infatti dimostrato che la produttività e la concentrazione possono essere favorite da una luce bianca fredda con un’elevata percentuale di blu. Se la luce naturale è poca, si può utilizzare anche una temperatura di colore di circa 6500 Kelvin, per una luce più brillante. Per quanto riguarda la luminosità, un valore di 500 lx (una lampadina da circa 1000 lumen) è ideale per lavorare, secondo le indicazioni fornite dalla normativa europea DIN EN 12464-1 che riguarda l’illuminazione interna dei luoghi di lavoro.

Un altro aspetto importante è quello relativo all’indice di abbagliamento che scaturisce dalle tipologie di lampade che vengono utilizzate negli spazi in cui si lavora. Le luci che vengono collocate sopra la postazione di lavoro non devono produrre effetto di abbagliamento o sfarfallio in particolare sul monitor del computer. L’abbagliamento oltre a essere causa di distrazioni ha anche altri effetti negativi, che possono favorire la comparsa di mal di testa e affaticamento. La luce LED è una soluzione ideale perché ha un’efficienza energetica e una durata superiori rispetto a qualsiasi altra tecnologia di illuminazione, ha una resa migliore e riduce il rischio di sfarfallio.

 

Le diverse tipologie di lampade proposte da Egoluce

Permettono di illuminare in modo corretto ed efficiente anche gli ambienti dedicati allo smart working offrendo allo stesso tempo un tocco di stile. Da tavolo, da parete, da terra o a sospensione, le lampade Egoluce permettono di rispondere alle diverse necessità garantendo un’illuminazione ottimale degli spazi affiancata al massimo comfort visivo. Una lampada da tavolo dalle forme semplici ed essenziali come Zeta è una soluzione che illumina in modo uniforme e offre la possibilità di direzionare la luce dove serve durante l’attività lavorativa. Grazie alle sue dimensioni contenute, occupa poco spazio e può essere spostata ovunque in base alle nostre necessità.

Una lampada da terra come Iris, è perfetta per garantire l’adeguato illuminamento sulla scrivania, in conformità alla norma sull’illuminamento dei luoghi di lavoro. Le lampade da terra sono consigliate in versione dimmerabile per regolare l’intensità della luce in base al momento della giornata. Dotata di sorgente luminosa a LED, unisce design ed essenzialità e si addice a qualsiasi tipo di arredamento.

Per illuminare al meglio tutto l’ambiente di lavoro e in modo particolare la scrivania una lampada a sospensione a emissione diretta come il Baloon è la scelta consigliata, con sorgente luminosa LED e linee essenziali per rendere accoglienti gli ambienti destinate allo smart working.

Un’altra soluzione ideale per illuminare la postazione di lavoro è una lampada a parete flessibile come Newton che può essere orientata in base alle diverse necessità. Versatile e moderna, questa applique permette di lavorare in totale armonia con la luce e a seconda delle esigenze può essere collocata anche a soffitto. Newton è inoltre disponibile con uno schermo a nido d’ape opzionale anti abbagliamento.

(Visited 125 times, 71 visits today)

Tag:

Articoli correlati: